Unione Europea, la plastica nel mirino

27/12/2018

Il Parlamento europeo e il Consiglio dell'Unione europea hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sulle nuove ambiziose misure proposte dalla Commissione per affrontare l'inquinamento alla fonte, prendendo di mira i 10 prodotti di plastica più spesso presenti sulle nostre spiagge e gli attrezzi da pesca abbandonati .

L'accordo del 19 dicembre si basa sulla proposta sulla plastica monouso presentata in maggio dalla Commissione come parte della prima strategia globale sulle materie plastiche del mondo, adottata all'inizio di quest'anno, per proteggere i cittadini e l'ambiente dall'inquinamento di plastica, promuovendo al tempo stesso la crescita e l'innovazione. Le nuove norme contribuiscono a uno sforzo più ampio di trasformare l'Europa in un'economia circolare più sostenibile, che si riflette nel piano d'azione per l'economia circolare adottato nel dicembre 2015. Contribuiranno a posizionare L'Europa, le sue imprese e i suoi consumatori, come leader mondiali nella produzione e nell'uso di alternative sostenibili che evitano l'inquinamento del mare e degli oceani, affrontando un problema con implicazioni globali.

Il primo vicepresidente Frans Timmermans, responsabile per lo sviluppo sostenibile, ha dichiarato: "Accolgo con grande favore l'ambizioso accordo di oggi raggiunto sulla nostra proposta della Commissione di ridurre la plastica monouso, un accordo che aiuta veramente a proteggere la nostra gente e il nostro pianeta. E' un enorme problema e l'UE nel suo insieme ha mostrato vero coraggio nell'affrontarlo, rendendoci leader mondiale nella lotta contro l'inquinamento marino da plastica. Altrettanto importante è che, con le soluzioni concordate oggi, stiamo anche guidando un nuovo modello di business circolare e mostrando la via da percorrere per mettere la nostra economia su un percorso più sostenibile".

Il vicepresidente Jyrki Katainen, responsabile per l'occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha aggiunto: "Affrontare il problema delle materie plastiche è un must e allo stesso tempo offre nuove opportunità per l'innovazione, la competitività e la creazione di posti di lavoro all'interno della Circular Plastics Alliance. Con l'accordo raggiunto oggi stiamo dimostrando che l'Europa sta facendo una scelta economica ed ecologica intelligente e sta avanzando verso una nuova economia della plastica veramente circolare".

Il commissario per l'ambiente, gli affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella ha dichiarato: "Quando abbiamo una situazione in cui un anno puoi portare a casa il tuo pesce in un sacchetto di plastica, e l'anno successivo porti quella borsa a casa in un pesce, dobbiamo lavorare duramente e velocemente, quindi sono felice dell'accordo di oggi tra Parlamento e Consiglio. Abbiamo fatto un grande passo avanti verso la riduzione della quantità di articoli in plastica monouso nella nostra economia, nel nostro oceano e, in definitiva, nei nostri corpi".
Diverse misure per diversi prodotti

La nuova direttiva UE sulla plastica monouso sarà lo strumento giuridico più ambizioso a livello mondiale per affrontare i rifiuti marini. Prevede diverse misure da applicare a diverse categorie di prodotti. Dove le alternative sono facilmente disponibili e convenienti, i prodotti in plastica monouso saranno banditi dal mercato, come cotton fioc, posate, piatti, cannucce, agitatori per bevande, bastoncini per palloncini, prodotti in plastica oxo-degradabile e contenitori per alimenti e bevande in polistirolo espanso. Per altri prodotti, l'attenzione è concentrata sul loro utilizzo attraverso una riduzione nazionale del consumo; sui requisiti di progettazione ed etichettatura; sulla  gestione dei rifiuti e sugli obblighi di risanamento per i produttori.
 
Prossimi passi

Questa iniziativa conferma l'impegno assunto nella strategia europea sulle materie plastiche, contro lo spreco di plastica e i rifiuti dannosi attraverso l'azione legislativa. Le misure proposte contribuiranno alla transizione dell'Europa verso un'economia circolare e al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e degli impegni dell'UE in materia di clima e di politica industriale.

L'accordo provvisorio raggiunto oggi deve ora essere formalmente approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Dopo la sua approvazione, la nuova direttiva sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'UE e gli Stati membri dovranno recepirla dopo due anni.

 
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner