Un budget europeo sempre più verde

18/11/2019

Oggi, le tre istituzioni dell'UE hanno concordato il bilancio dell'UE per il 2020. Ciò consentirà all'UE di concentrare le proprie risorse sulle priorità che contano per i cittadini: cambiamenti climatici, lavoro, giovani, sicurezza e solidarietà nell'UE. Il bilancio del prossimo anno preparerà inoltre la transizione al prossimo ciclo di bilancio in quanto sarà il settimo e ultimo del ciclo di bilancio a lungo termine 2014-2020 in corso.

Günther H. Oettinger, commissario europeo per il bilancio e le risorse umane, ha dichiarato: "Il bilancio dell'UE per il 2020 riguarda la continuità: è l'ultimo previsto dall'attuale bilancio a lungo termine e l'ultimo proposto e negoziato dalla Commissione Juncker. indirizzare le risorse verso i bisogni, contribuendo a creare posti di lavoro, affrontare i cambiamenti climatici e sfruttare gli investimenti in tutta Europa, investirà nei giovani e nel rendere l'Europa più sicura. Tutte queste priorità si riflettono anche nella proposta della Commissione per il bilancio dell'UE a lungo termine oltre il 2020. Ora dovremmo concentrarci su un'adozione tempestiva del prossimo bilancio a lungo termine in modo da poter fornire certezza e stabilità ai nostri beneficiari e continuare a creare un valore aggiunto UE per tutti ".

Il bilancio dell'UE per il 2020 è fissato a 168,69 miliardi di euro in impegni (denaro che può essere concordato in contratti in un determinato anno) e 153,57 miliardi di euro in crediti di pagamento (denaro che verrà erogato). Alcune caratteristiche chiave includono:

Il 21% del bilancio complessivo andrà a misure per far fronte ai cambiamenti climatici. Ad esempio, il programma LIFE per l'ambiente e i cambiamenti climatici riceverà 589,6 milioni di euro (+ 5,6% rispetto al 2019). Horizon 2020, che tradizionalmente fornisce un contributo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi climatici, otterrà 13,49 miliardi di euro (+ 8,8% rispetto al 2019). La componente Energia del meccanismo per collegare l'Europa - che investe nella diffusione su larga scala di fonti rinnovabili, nel potenziamento delle infrastrutture di trasmissione dell'energia esistenti e nello sviluppo di nuove infrastrutture - riceverà 1,28 miliardi di euro (+ 35% rispetto al 2019). Il settore dei trasporti del meccanismo per collegare l'Europa sarà finanziato con 2,58 miliardi di euro.

Quasi la metà dei fondi - 83,93 miliardi di euro in impegni (+ 4,1% rispetto al 2019) - contribuirà a rendere la nostra economia più competitiva. Di questi, 58,65 miliardi di euro (+ 2,5% rispetto al 2019) andranno a ridurre le lacune economiche negli e tra gli Stati membri, promuovendo la crescita, la creazione di posti di lavoro e promuovendo la convergenza attraverso i fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE).

Il sistema di navigazione satellitare globale europeo Galileo sarà sostenuto con 1,2 miliardi di euro (+ 74,7% rispetto al 2019) per espandere la sua diffusione sul mercato mondiale per raggiungere 1,2 miliardi di utenti entro la fine del 2020. 255 milioni di euro forniranno incentivi per le aziende europee a lavorare insieme per sviluppare prodotti e tecnologie per la difesa nell'ambito del programma europeo di sviluppo industriale della difesa.

I giovani beneficeranno di una serie di programmi: 2,89 miliardi di euro saranno destinati all'istruzione attraverso Erasmus + (+ 3,6% rispetto al 2019). Il Corpo europeo di solidarietà creerà opportunità di volontariato o di lavoro in progetti in patria o all'estero con 166,1 milioni di euro (+ 15,9% rispetto al 2019).

Gli agricoltori europei beneficeranno di 58,12 miliardi di euro.

La gestione della sicurezza e della migrazione continuerà a ricevere supporto. Ad esempio, 2,36 miliardi di euro andranno al Fondo Asilo, migrazione e integrazione, al Fondo sicurezza interna e alle agenzie che operano in questo campo (Europol, Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex), EASO, eu-LISA) .
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner