Forum mondiale dell'economia circolare

28/05/2019

Il 3-5 giugno 2019 si svolgerà ad Helsinki, in Finlandia, la terza edizione del World Circular Economy Forum (WCEF).

Oltre duemila tra pensatori, strateghi ed esperti di economia circolare si riuniranno per discutere su come aumentare la transizione verso la prossima era dell'economia circolare.

Il WCEF si concentrerà su soluzioni innovative per il rinnovamento dell'economia mondiale.

Come possiamo implementare soluzioni di economia circolare nel modo più efficiente possibile? Come possono i loro risultati positivi essere distribuiti equamente? Come possono le imprese cogliere nuovi vantaggi attraverso l'economia circolare?
Queste sono solo alcune delle domande che saranno discusse al WCEF.

Come parte del suo continuo sforzo per trasformare l'economia europea in una più sostenibile e per attuare l'ambizioso piano d'azione per l'economia circolare, la Commissione europea sta finanziando progetti innovativi che mirano a sviluppare innovazioni rivoluzionarie e dirompenti dell'economia circolare.

Programmi di finanziamento dell'UE come Horizon 2020 e il programma LIFE sostengono la transizione verso un'economia circolare.

Al WCEF la Commissione europea presenterà alcuni dei progetti più stimolanti che stanno lavorando alla transizione verso un'economia circolare.

Progetti finanziati dal programma SC5 di Horizon 2020:

CIRC-PACK
CIRC-PACK mira a trasformare i rifiuti di imballaggio in plastica in una risorsa. Il progetto svilupperà plastiche più sostenibili, biologiche e riciclabili utilizzate per la produzione di una vasta gamma di prodotti: vaschette, bottiglie, capsule di caffè, barattoli, parti di automobili, pallet e nuovi tipi di imballaggi multistrato e multimateriale .

ReCiPSS
ReCiPSS (Circular Product-Service Systems, efficiente in termini di risorse) è composto da due dimostranti industriali su larga scala provenienti dall'industria automobilistica e dei beni bianchi. Per implementare con successo i dimostratori, ReCiPSS svilupperà ulteriori strumenti circolari e piattaforme ICT. Ciò consentirà lo scambio di dati per entrambi i casi: monitoraggio dell'utilizzo o monitoraggio remoto in caso di prodotti bianchi, nonché collaborazione nella catena del valore in caso di parti automobilistiche.

URBANREC
URBANREC implementerà un sistema di gestione dei rifiuti ingombranti eco-innovativo e integrale e dimostrerà la sua efficacia in diverse regioni dell'UE. Svilupperà nuovi approcci per la valorizzazione dei rifiuti urbani ingombranti in prodotti riciclati ad alto valore aggiunto.

ZEROBRINE
L'obiettivo di ZERO BRINE è dimostrare che i minerali, come il magnesio e l'acqua pulita, possono essere recuperati dai processi industriali per il riutilizzo in altri settori. Il progetto avanza nuove soluzioni modello di business dell'economia circolare per ridurre i flussi di acque reflue industriali salini, quindi "chiudendo il cerchio" e migliorando gli impatti ambientali della produzione.

FiberEUse
FiberEUse consiste in una dimostrazione su larga scala di nuove catene di valore a economia circolare basate sul riutilizzo di materiali compositi rinforzati con fibre a fine vita. Il progetto mira a integrare le diverse azioni di innovazione attraverso un approccio olistico per migliorare la redditività del riciclo composito e il riutilizzo in prodotti a valore aggiunto.

pOLYCE
Il progetto PolyCE è basato su un consorzio di 20 organizzazioni di esperti. Il progetto ha affrontato la sfida di affrontare la gestione circolare dei rifiuti di plastica. Nei prossimi anni, PolyCE mirerà a ridurre significativamente l'uso di materie plastiche vergini e a migliorare l'uso di plastica riciclata nelle nuove applicazioni elettroniche.

C-SERVEES
C-SERVEES mira a promuovere un'economia circolare efficiente sotto il profilo delle risorse nel settore elettrico ed elettronico (E & E) attraverso lo sviluppo, la verifica, la convalida e il trasferimento di nuovi modelli economici economici circolari (CEBM) basati su servizi eco-innovativi sistemici.

Care-Service
Il progetto CarE-Service mira a dimostrare modelli di business innovativi dell'economia circolare basati su servizi di mobilità avanzati che sfruttano veicoli ibridi ed elettrici. Tali modelli di business comporteranno il riutilizzo, la rigenerazione e il riciclaggio di componenti e materiali di veicoli ibridi ed elettrici per applicazioni nel settore automobilistico e in altri settori.

Water2Return
Il consorzio Water2Return lancia diversi questionari per coinvolgere le parti interessate. L'obiettivo è costruire una comunità di persone rilevanti attorno all'approccio di Water2REturn Circular Economy allo scopo di facilitare la discussione e promuovere il dialogo sulle sfide trasversali identificate dal progetto.

paperchain
L'obiettivo generale di PAPERCHAIN ​​è di implementare cinque nuovi modelli di economia circolare centrati sulla valorizzazione dei flussi di rifiuti generati dall'industria della carta e della cellulosa. I flussi di rifiuti agiranno come materia prima secondaria per un certo numero di settori ad alta intensità di risorse: settore dell'edilizia, settore minerario e industria chimica.

FISSAC
Il progetto FISSAC coinvolge le parti interessate a tutti i livelli della catena del valore di costruzione e demolizione. L'obiettivo del progetto è sviluppare una metodologia e una piattaforma software per facilitare lo scambio di informazioni in grado di supportare reti di simbiosi industriali e replicare schemi pilota a livello locale e regionale.

CIRCUSOL
Il progetto mira a liberare tutto il potenziale dei modelli di business circolari, in particolare i sistemi di servizio del prodotto (PSS), per offrire benefici per l'ambiente, l'economia e gli utenti. In tal modo, CIRCUSOL mira a stabilire l'energia solare come settore trainante ea dimostrare un nuovo percorso guidato dalle imprese basate sui servizi verso un'economia circolare in Europa.

BAMB
BAMB sta creando nuovi modi per aumentare il valore dei materiali da costruzione. Gli edifici progettati dinamicamente e in modo flessibile possono essere incorporati in un'economia circolare in cui i materiali negli edifici sostengono il loro valore. Ciò porterà alla riduzione degli sprechi e all'uso di un minor numero di risorse vergini.

CREAToR
E' un progetto che si concentra sullo sviluppo e la dimostrazione dei processi per rimuovere materiali pericolosi dai flussi di rifiuti utilizzando tecnologie di purificazione continue. La forte presenza di industriali / riciclatori nel consorzio garantirà la pertinenza del mercato degli sviluppi e la rapida commercializzazione dei risultati entro 1-2 anni dalla fine del progetto.

CIRCULAR FLOORING
Punta a permettere l'uso circolare di PVC plastificato (PVC-P) dagli scarti/rifiuti di materiale da pavimentazione mediante lo sviluppo di processi di riciclaggio che eliminano i plastificanti, compresi gli esteri di acido ftalico pericolosi. I risultati saranno ottenuti grazie alla produzione di PVC riciclato di alta qualità e al riutilizzo di polimeri e additivi riciclati in nuove applicazioni di pavimentazione.

REACT
Il progetto REACT riguarderà la gestione dei rifiuti di tessuti acrilici provenienti da tende e arredi per esterni. L'obiettivo finale del progetto è quello di formulare raccomandazioni sulla progettazione e produzione di materiali per la riciclabilità e sul processo di riciclaggio per la standardizzazione dell'intero processo, che verrebbe applicato su altri settori.

REMADYL
REMADYL punta a riciclare il cosiddetto "vecchio PVC", cioè additivato con sostanze legacy pericolose. Questo "vecchio PVC" costituisce la maggior parte dei rifiuti di PVC (post-consumo, tubi) e di materiali soffici (ad esempio pavimenti o cavi) attualmente inutilizzati. REMADYL dimostrerà l'uso circolare del PVC per i profili delle finestre e le lastre impermeabilizzanti, fornendo un esempio di punta per l'economia circolare.

NONTOX
L'obiettivo generale di NONTOX è di aumentare le percentuali di riciclaggio dei rifiuti di plastica contenenti sostanze pericolose sviluppando e ottimizzando i processi di riciclaggio per produrre materiali plastici secondari sicuri e di alta qualità e ottimizzando l'economia generale dei processi mediante l'integrazione.

Plast2bCleaned
L'obiettivo di PLAST2bCLEANED è lo sviluppo di un processo di riciclaggio delle materie plastiche RAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) in un modo tecnicamente fattibile, rispettoso dell'ambiente ed economicamente sostenibile. Facendo così, PLAST2bCLEANED chiuderà tre anelli: (1) polimero, (2) bromo e (3) triossido di antimonio.
 

Progetti finanziati dal programma LIFE:

LIFE SOLBRINE
Il progetto mira a sviluppare un sistema di trattamento salino autonomo di energia per l'eliminazione completa della salamoia. Il progetto ha comportato un elevato recupero idrico (> 90%) e la produzione di sale secco con prospettive di mercato, aggiungendo un ulteriore output di valore all'intero sistema. L'implementazione di SOLBRINE ha contribuito in modo significativo allo sviluppo di sistemi di eliminazione della salamoia su vasta scala.

LIFE CEPLAFIB
CEPLAFIB mira a orchestrare una nuova economia circolare in cui la plastica riciclata del postconsumo sarà rinforzata con fibre di cellulosa recuperate, ottenute da carta da giornale sprecata, per migliorare le loro prestazioni e stabilizzare i flussi di riciclaggio per il loro uso diretto nei settori di applicazione di massa.

LIFE RECYSITE
Il consorzio RECYSITE propone un nuovo approccio al mondo dei compositi attraverso la convalida di nuovi biocompositi completamente riciclabili ottenuti da risorse naturali in due diversi settori: trasporto (cassa mobile swap) e costruzione (parete modulare della facciata). In tal modo, sarà dimostrata la trasferibilità dei risultati del progetto.

 
Progetti finanziati dall'EIC - Strumento per le PMI:

SOMAPI
Il progetto SOMAPI è stato trasformato in Swap.com, un grande magazzino on-line in cui gli articoli usati possono essere acquistati in modo economicamente efficiente e facile da usare. Gli articoli che non sono più necessari vengono inviati al centro di evasione ordini di Swap.com dove vengono ordinati, fotografati, imballati e archiviati.

Home of Cool
Home of Cool ™ è un nuovo dispositivo di raffreddamento dello spazio limitato elettronico ed ecologico che non utilizza un compressore o un refrigerante chimico. I suoi mercati di riferimento sono i distributori automatici POS (Point of Sales) e POP (Point of Purchase) per le grandi marche di industrie alimentari e delle bevande.

 
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner